Come è nato il blog "scillachiese"?

Questo blog nasce dalla fede e devozione che,
questo piccolo gruppo di ragazzi,
ha verso le proprie chiese
e ciò che rappresentano.

24 giugno 2008

Natività di San Giovanni Battista

Fede e Devozione a Scilla
La devozione verso San Giovanni, è molto antica questo lo testimonia una visita pastorale riportata dal canonico Minasi nel libro "Notizie Storiche sulla Città di Scilla".
Gli Scillesi, hanno avuto verso questo Santo una devozione del tutto particolare come particolare è San Giovanni, è cugino di Gesù, ha annunciato la venuta di Cristo, lo ha Battezzato affinchè egli potesse iniziare la sua missione nel mondo "Questi è il mio Figlio prediletto".
Molti Scillesi oggi legano la loro devozione verso questo Santo, alla chiesa omonima che si trova a San Giorgio, ma un tempo esisteva una chiesetta a Jaracari oggi rudere, e due cappellette dedicate sempre a San Giovanni, detto S.G. u primu, S.G. u menzu.
Bisogna dire che oggi la chiesa di San Giovanni in San Giorgio versa in condizioni Disastrose, l'incuria è forse la volontà di alcuni di "distruggere" quest’edificio sacro, a fatto sì che in pochi anni la struttura abbia subito ingenti danni, che rendono quasi inagibile la stessa, di questo ci occuperemo prossimamente in un articolo apposito.
Comunque le cappellette e la chiesetta di Jaracari, pur versando in condizioni molto precarie, (tranne la cappelletta di jaracari restaurata nel 1988 dai devoti di Scilla), non sono state mai dimenticate ad esse sono legate molte tradizioni.
Una mia parente proprietaria del terreno vicino alla chiesetta mi raccontava che un tempo forse verso la fine del settecento un ragazzo, mentre pascolava le pecore incontrò un uomo vestito di pelli (questo lo ricorda un dipinto conservato nella chiesa in San Giorgio dove si nota alle come sfondo l'ambiente proprio di dove sorge la chiesetta a Jaracari, mentre la pala d'altare della già citata chiesetta oggi è conservato nella chiesa di San Rocco), il ragazzo forse incuriosito chiese chi fosse, lui rispose che era San Giovanni. Lo stesso Santo, disse al ragazzo di raccontare quest'apparizione, affinchè la gente potesse andare a pregare (Come ricordavo in questi luoghi vi erano dei romitori basiliani dedicati a San Giovanni). La Voce si sparse in tutto il paese ed anche nei paesi vicini ed in Sicilia, molte persone giunsero in quei luoghi, e ricevettero molte grazie.
Tutt'oggi la devozione a San Giovanni e Viva anche se come altre tradizioni non è ritenuta importante per la fede.

Ancora oggi Il 24 mattina prima che sorga il sole, molte persone s’inerpicano a piedi nell'antica via di San Giovanni, per incontrarlo, figli degli antichi devoti che all'appello del Santo hanno risposto con Fiducia e Devozione. A lui raccontano le amarezze e le gioie della vita, le attese e le delusioni, chiedono una Bona Nuova, La Buona Novella che due Millenni fà annunciava la venuta di Cristo.
Ringrazio quanti in questi anni hanno mantenuta viva questa devozione, le tradizioni come le persone muoiono, quando nessuno perpetua il ricordo. Mi auguro che al più presto le cappellette e la chiesetta di Jaracari possano ritornare funzionali ed infine che la chiesa di San Giovanni in San Giorgio che custodisce molte opere d'arte, sia al più presto restaurata è Fruibile ai suoi devoti.
Costantino

1 commento:

SOCCER FANATIC ha detto...

Great blog produced with nice pictures.

For more links to technology, pls visit www.yasthirah.com

For more info on soccer, pls visit http://www.aptconnections.blogspot.com/