Come è nato il blog "scillachiese"?

Questo blog nasce dalla fede e devozione che,
questo piccolo gruppo di ragazzi,
ha verso le proprie chiese
e ciò che rappresentano.

17 gennaio 2008

Mons Bregantini lascia la sua Calabria

Il 13 gennaio per la diocesi di Locri – Gerace e credo anche per l’intera Calabria è stato un giorno molto particolare. L’antica Cattedrale di Gerace era affollata come non mai, tante persone erano arrivate da fuori diocesi per salutare il Pastore che per 13 anni si è fatto chiamare Padre, Padre Giancarlo. Io come tanti non ero presente in Cattedrale, ma attraverso la televisione locale siamo riusciti ad essere presenti lo stesso. Che dire di Padre Giancarlo tanto, poco, come qualcuno ha detto “ non parlare tu, ma fai parlare le tue opere”, credo che lui ha tenuto presente questo nella guida del suo popolo. Prima d’essere Vescovo è divenuto uno di noi, ha preso il meglio della calabresità e lo ha esaltato, divenendo così più calabrese di noi, solo chi ama la propria terra e chi ci abita si comporta come lui, chi incarna il mistero di Cristo non teme, spera e sopporta.
Molti lo hanno definito profeta, sicuramente lo è, ma oltre ad indicare la strada giusta, ha tolto i sassi dalla strada, ha piantato dei fiori, ha scoperto sorgenti, ha asciugato lacrime e sudore, ha illuminato le strade nel buio dell’anima, ha dato dignità e forza a quanti nello scoraggiamento della sottomissione mafiosa voleva mollare, ha seminato ovunque non solo nel suo giardino ma in ogni dove...Ci sono tante cose da dire ma forse la cosa più bella che possiamo fare per lui è coltivare ciò che lui ha seminato in ogni uno di noi. Molti pensano che questa partenza è prematura che avevamo ancora bisogno di lui, sicuramente è vero, ma quando un padre impara al figlio a camminare è giusto che il figlio sappia camminare da solo.


Grazie Padre Giancarlo.























Ricordo di Padre Giancarlo M. Bregantini all'amata Chiesa di Locri-Gerace

1 commento:

CARINA ha detto...

Padre Giancarlo.........
lui sì che sarà sempre rimpianto!!!!
è proprio vero, questa terra è come
se non amasse le persone come lui.
Facciamo, almeno, tesoro di quello
che lui ha seminato tra noi.